UCRAINA: NUOVE SANZIONI, SEGNALE FORTE ALLA RUSSIA
30 luglio 2014

Le sanzioni approvate ieri a Bruxelles rappresentano un segnale forte e unitario alla Russia affinché mantenga gli impegni presi negli ultimi mesi. L’Unione europea ha deciso all’unanimità di varare nuove sanzioni nei confronti della Russia, un passo che si è reso necessario vista la mancanza di quella collaborazione più volte chiesta e mai ottenuta da Mosca, nonostante gli impegni presi anche ufficialmente. Almeno la tragedia dell’aereo della Malaysia Airlines avrebbe dovuto spingere le autorità russe a tenere finalmente fede, con atti concreti, agli impegni sottoscritti più volte negli ultimi mesi. Così non è stato. Le violenze nell'est dell'Ucraina continuano e non è stato neppure assicurato l’accesso pieno all’area in cui sono caduti i resti del velivolo abbattuto per consentire il recupero di tutti i corpi e un’indagine imparziale e attendibile. Il pacchetto di nuove misure sanzionatorie indicato dai ministri degli Esteri dell'Ue la scorsa settimana e adottato all'unanimità dai rappresentanti permanenti dà un forte segnale di unità e lancia a Mosca un segnale chiaro. Mi auguro che la Federazione Russa dia finalmente seguito ai propri impegni e si adoperi per una soluzione politica della crisi.


...segue
Condividi: Bookmark and Share

CAMERA DEI DEPUTATI: INFORMATIVA URGENTE SULLA GRAVE CRISI IN MEDIO ORIENTE
29 luglio 2014

Consentitemi di partire dal dolore e dal cordoglio che credo a nome non solo del governo, e di questo parlamento, ma di tutto il popolo italiano oggi esprimiamo a tutti coloro che, in queste ore, in questi giorni, hanno perso un figlio, un fratello, una madre, una persona cara. Lo zio di Naftali Frenkel, uno dei tre ragazzi israeliani rapiti e assassinati, ha detto nei giorni dell’uccisione del giovane arabo bruciato vivo che non c’è differenza tra sangue ebreo e sangue arabo. Il dolore, anche quello più profondo, può alimentare spirali interminabili di violenza, ma può anche unire. Vorrei fare due premesse e un invito. Il dramma della crisi su cui o

...segue
Condividi: Bookmark and Share


VISITA A BELGRADO E PODGORICA
28 luglio 2014

Riprende oggi da Belgrado la mia visita nei Balcani, dopo le tappe della settimana scorsa in Bosnia, Kosovo, Macedonia e Albania. In agenda una serie di incontri in Serbia e, nel pomeriggio, a Podgorica, in Montenegro, ultima tappa della mia visita nella regione. Un'occasione per ribadire la centralità per l'Italia del tema dell'integrazione dei Balcani nell'Unione europea e per confermare l'impegno di Roma per questo obiettivo durante tutto il semestre di presidenza dell'Ue. Voglio portare un messaggio di forte incoraggiamento affinché venga proseguito quel cammino di riforme e integrazione europea intrapreso negli ultimi anni dalla Serbia. Il paese condivide con l'Eu

...segue
Condividi: Bookmark and Share


VERTICE INTERNAZIONALE SULLA CRISI A GAZA
26 luglio 2014

Oggi ho partecipato al summit di Parigi sulla grave crisi in Medio Oriente,  con il Segretario di Stato americano John Kerry, i ministri degli Esteri francese Laurent Fabius, tedesco Frank-Walter Steinmeier, britannico Philip Hammond, e i colleghi di Turchia e Qatar per chiedere tutti insieme  una tregua umanitaria a Gaza. E' stato un incontro molto utile per fare il punto della situazione, abbiamo deciso di coordinare gli sforzi per far si che si arrivi all'obiettivo immediato di un'estensione del cessate il fuoco, sostenibile nel lungo periodo. L'impegno italiano per la risoluzione della crisi è molto forte. Oggi c'e' uno sforzo  

...segue
Condividi: Bookmark and Share


VISITA A SKOPJE E TIRANA
25 luglio 2014

L'integrazione europea dei Paesi dei Balcani è uno dei punti al centro dell'agenda del semestre europeo a guida italiana. Nel mio secondo giorno di  missione nella regione, desidero ribadire il sostegno dell'Italia ai Paesi che si trovano sull'altra sponda dell'Adriatico. Dopo aver visitato Sarajevo e Pristina, sarò oggi prima a Skopje e poi a Tirana. Quattro città per lanciare un messaggio all'Europa. Ho voluto visitare tutte le capitali dei Balcani occidentali in un unico giro, proprio per sottolineare il fatto che i problemi vanno affrontati in un'ottica regionale e non solo bilaterale, e vanno incoraggiati i rapporti tra i paesi che fanno parte della

...segue
Condividi: Bookmark and Share


MISSIONE NEI BALCANI
24 luglio 2014

Inizia oggi da Sarajevo la mia  missione nella regione, dove  incontrerò i rappresentanti della presidenza tripartita della Bosnia Erzegovina e il Ministro degli Esteri Zlatko Lagumdzja. Il percorso di integrazione euroatlantica del paese, e gli obiettivi del semestre italiano di presidenza dell'Ue saranno al centro dei colloqui. Affronteremo, inoltre, le principali tematiche relative ai rapporti bilaterali, tra cui la candidatura italiana come membro non permanente del Consiglio di sicurezza dell'Onu per il biennio 2017-18. In occasione della visita presenterò anche il "Compact for growth and jobs". All'evento, che si terrà all'Assemblea parlamentare del

...segue
Condividi: Bookmark and Share


federica mogherini iosonoqui
lug
31
Audizione presso la Commissione Affari Esteri del Senato sui recenti sviluppi della situazione politica internazionale - ore 13.30
lug
31
Consiglio dei Ministri - ore 18.00
ago
03
Visita in Argentina, Cile e Colombia