PUTIN NON RISPETTA I PATTI MA LA DIPLOMAZIA RESTA L'UNICA STRADA
01 settembre 2014

«Il compito dell`Alto Rappresentante per la Politica estera è quello di indicare ai partner alcune linee strategiche e su quella base cercare un consenso europeo, che dia alla Ue la forza per giocare un ruolo influente nel mondo. Credo ci sia un grande spazio per l`Europa in politica estera: mai come adesso tutte le sfide cruciali per la stabilità globale si concentrano nell`area europea, a Est, nel Mediterraneo e nel Medio Oriente. E mai come adesso c`è stata una domanda d`Europa per risolvere le crisi o per prevenirne altre in futuro. E’ una questione di volontà politica, non di capacità o di strumenti che esistono. Bisogna lavorare per tradurre in atto questa potenzialità». Il giorno dopo la nomina alla guida della diplomazia dell`Unione europea, Federica Mogherini ci riceve alla Rappresentanza italiana a Bruxelles, poco prima di partire per una missione in Moldavia. Signora Ministro, lei è il primo esponente e la prima donna della cosiddetta generazione Erasmus ad essere chiamata in un ruolo di vertice in Europa, la guida della diplomazia dell`Unione. Sente una responsabilità speciale? «E’ speciale già l`incarico. Non si tratta solo di guidare la diplomazia europea, ma anche di costruire una politica estera comune. In più, in quanto vicepresidente, l`Alto Rappresentante ha un ruolo di guida della Commissione, che apre una nuova stagione. La sfida è complessa. Senza esagerare è una prova per questa generazione, che inizia ad assumersi responsabilità istituzionali a livello europeo. Spero che questo possa ridurre la distanza percepita tra i cittadini e l`Europa». Le sono state rimproverate inesperienza e mancanza di una rete di contatti internazionali significativ


...segue
Condividi: Bookmark and Share

OGGI E DOMANI A MILANO ALLA RIUNIONE INFORMALE DEI MINISTRI DEGLI ESTERI EUROPEI
29 agosto 2014

Oggi e domani sono a Milano per la riunione informale dei ministri degli Affari esteri dell'Unione europea (Gymnich), nell'ambito del semestre di presidenza italiana del Consiglio dell'Ue. All'evento parteciperanno, oltre alle istituzioni dell'Unione europea, i ministri degli Affari esteri dei 28 paesi membri. I principali temi che affronteremo sono il processo di pace in Medio Oriente e focus su Ucraina.

...segue
Condividi: Bookmark and Share


LIBIA: NUOVA RISOLUZIONE CONFERMA IL RUOLO CENTRALE DELL’ONU
28 agosto 2014

L'approvazione della nuova risoluzione del Consiglio di Sicurezza sulla Libia è la conferma del ruolo centrale che le Nazioni Unite devono avere nella soluzione della crisi. In questo momento drammatico e decisivo per il destino del Paese, la risoluzione torna a esortare tutte le parti ad impegnarsi in un dialogo politico inclusivo e a rispettare il processo democratico, unica opzione possibile per un futuro di pace e per la ricostruzione della Libia. Le Nazioni Unite sollecitano tutti gli attori internazionali e regionali, che possono esercitare un'influenza, a impegnarsi in modo costruttivo affinché si metta fine subito alle ostilità e si cerchi una soluzione pacific

...segue
Condividi: Bookmark and Share


UCRAINA: COLLOQUIO CON KLIMKIN, DOMANI SITUAZIONE NELL'EST SUL TAVOLO DEI MINISTRI UE A MILANO
28 agosto 2014

Le allarmanti notizie che giungono oggi di nuovo dall’Ucraina sono state al centro di un mio colloquio telefonico con il collega ucraino Pavel Klimkin, preoccupato per gli ultimi sviluppi sul terreno, nonostante le speranze di avvio di un dialogo dopo l’incontro di qualche giorno fa tra il presidente ucraino, Petro Poroshenko e il presidente russo, Vladimir Putin. Ho rinnovato il sostegno dell’Italia all’Ucraina nel suo difficile processo di transizione e riforme, e ho garantito che la situazione nell’est del Paese sarà domani al centro di una sessione dei lavori del vertice informale dei ministri degli Esteri dell’Ue a Milano.

...segue
Condividi: Bookmark and Share


GAZA:BENE CESSATE IL FUOCO. ORA VIA A NEGOZIATI PER UNA TREGUA DURATURA E UN ACCORDO POLITICO STABILE
26 agosto 2014

L’intesa sulla proposta egiziana di un cessate il fuoco a Gaza annunciata questa sera deve aprire la strada a trattative politiche che portino a una soluzione del conflitto mediorientale. Dopo sette settimane di speranze andate troppe volte deluse, mi auguro che l’accordo, facilitato dall’Egitto, sia la svolta che attendevamo e per cui abbiamo lavorato insieme a tanti Paesi. Ora è necessario che israeliani e palestinesi avviino al più presto negoziati per una tregua duratura e un’intesa politica che porti finalmente a una soluzione stabile del conflitto.

...segue
Condividi: Bookmark and Share


GAZA E LIBIA: COLLOQUI CON I COLLEGHI DI EGITTO, TUNISIA, ALGERIA E CON IL SEGRETARIO DELLA LEGA ARABA
25 agosto 2014

La situazione a Gaza e in Libia è al centro di una serie di telefonate in programma in questi giorni con i colleghi di diversi Paesi della Regione che oggi si sono incontrati al Cairo e che sono impegnati come l'Italia nella ricerca di una soluzione politica a entrambe le crisi. Ho sentito il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry, tunisino Mongi Hamdi, e il segretario generale della Lega Araba, Nabil Elaraby. Domani avrò un colloquio con il capo della diplomazia algerina, Ramtane Lamamra. L'Italia condivide la richiesta, formulata da ultimo oggi al vertice del Cairo sulla Libia, di un cessate il fuoco immediato e dell'avvio di un processo di dialogo e riconciliazione n

...segue
Condividi: Bookmark and Share


federica mogherini iosonoqui